La scuola

“Iniziativa da visionari, si potrebbe pensare.
Ma che ha dato origine al popolo di Caprera.
Quel popolo che negli anni sarà il custode della Scuola e delle tradizioni.”

Marzio Rotta, Capo Base fino al 2010

lA STORIA

ORIGINI E RADICI

“Cercavamo un luogo spartano, ventoso, pieno di ridossi e soprattutto inaccessibile da terra. In quella trasferta a Caprera tutti noi riponevamo qualche ansia e grandi speranze.”  Guido Colnaghi, fondatore

Il Centro Velico Caprera si costituisce con atto notarile del 1967 sotto forma di associazione senza fine di lucro. Soci fondatori sono il Touring Club Italiano e la sezione di Milano della Lega Navale Italiana che, sotto l’Alto Patronato della Marina Militare Italiana, ricevono in concessione dal Capo di Stato Maggiore della Marina Militare Ammiraglio Alessandro Michelagnoli, i terreni e  le strutture militari della parte sud-occidentale dell’isola di Caprera compresi tra Punta Coda e il meraviglioso golfo di Porto Palma sui quali sorgevano alcuni vecchi edifici militari. 

Successivamente il CVC investirà nella realizzazione di due ulteriori  basi logistiche perfettamente integrate nella macchia mediterranea per ospitare i nuovi corsi di Perfezionamento (a partire dal 1974) e Pre-crociera dotate di accesso viario e di tutte le  necessarie infrastrutture di supporto che completerà con la realizzazione di una carpenteria per  la costruzione e la manutenzione delle barche, di una veleria e di un’officina meccanica. Viene  quindi posata la  rete idrica, installati generatori di corrente e disegnata la prima struttura antincendio composta da idranti ed estintori per garantire utenze, servizi e livelli di sicurezza precedentemente inesistenti.

siamonoi-11

SIAMO Noi

CHIEDETECI CHI, NON COSA

“Vi racconteremo che il Centro Velico Caprera ha soprattutto l’anima ed il sudore degli oltre 2.000 volontari che nei decenni hanno trasmesso conoscenza ma soprattutto passione ed amore per il nostro grande mare.”  Paolo Bordogna, Presidente in carica

Con oltre 50 anni di storia e dopo aver insegnato a generazioni di uomini e donne di ogni età e provenienza l’arte della marineria italiana e della navigazione a vela, rimane impossibile dare una risposta esaustiva a chi ci domanda cosa sia il Centro Velico Caprera. Affermare di essere la prima e più importante realtà della formazione velica e marinara del nostro Paese ancorché una fra le istituzioni leader della nautica a vela a livello europeo è corretto ma allo stesso tempo quanto mai riduttivo e incompleto. 

Chiedeteci invece chi è il Centro Velico Caprera. Vi risponderemo che è il volto affaticato ma felice degli oltre 130.000 uomini e donne che hanno vissuto l’ineguagliabile esperienza di essere membri di un grande equipaggio in un angolo di terra e di mare di rara bellezza che preserviamo e difendiamo da oltre mezzo secolo. 

Paolo Bordogna, Presidente in carica

NESSUNO SI SENTA ESCLUSO

UN FUTURO FATTO DI PERSONE

“Tramandare i valori e le tradizioni, che hanno fatto grande la Scuola, è un nostro preciso dovere. Farlo ponendo al centro le persone e le relazioni umane è la nostra sfida. Comitato Esecutivo CVC

Il potente motore dell’associazione risiede da sempre nell’eccezionale risorsa del volontariato. Presidente e membri del Comitato Esecutivo, ma soprattutto Istruttori, Capi Barca e Capi Turno così come Assistenti di Terra ed Assistenti di Vela prestano la propria opera mettendo a disposizione del CVC il proprio tempo e le proprie competenze professionali a titolo esclusivamente non oneroso. Sono oltre 2.000 i volontari che hanno contribuito a fare del CVC non solo la più grande istituzione della formazione velica del nostro Paese, ma un vero e proprio modello di riferimento riconosciuto a livello internazionale. 

Doppiata la boa dei 50 anni di attività,  il Centro Velico Caprera integra all’interno della sua «mission» statutaria un nuovo commitment con il quale dichiara la propria responsabilità ed un innovativo intervento nei confronti del mare e dell’ambiente  circostante ma soprattutto dell’uomo con i progetti: Di Vela in Meglio (iniziativa in collaborazione con l’Istituto Europeo di Oncologia, Lega Italiana per la lotta contro i tumori e Humanitas); One (il progetto per la realizzazione della prima base senza barriere architettoniche); CVC per Acque Libere; Upsidedown (progetto di integrazione per membri d’equipaggio affetti da sindrome di down). 

mission-2
ambiente-12

L'IMPEGNO VERSO L'AMBIENTE

PROTEGGERE IL MARE E IL TERRITORIO

I fondatori si resero subito conto che questo luogo dovesse essere protetto e preservato. Fu per questo che istituirono già nel 1967 una “comandata ecologica” per ripulire spiagge e calette, anche le più nascoste, ben prima che l’arcipelago diventasse Parco Nazionale.”  Chiara Mondini, Istruttrice

Il CVC è indiscusso precursore dei modelli di sostenibilità ambientale come testimonia la grande attenzione posta già nei primi anni ’60 durante la progettazione e realizzazione delle strutture delle proprie basi poste sull’isola di Caprera. Una struttura ricettiva in grado di ospitare oltre 3.000 allievi a stagione, destinata a diventare nei decenni a seguire un modello di riferimento per la sua eccezionale integrazione nell’ambiente circostante con un ridottissimo impatto ambientale. 

Una cultura, quella della sostenibilità, che negli anni è ulteriormente accresciuta, con rilevanti investimenti destinati allo sfruttamento delle energie rinnovabili, quali il solare termico, che hanno ulteriormente avvicinato il Centro Velico Caprera all’ambizioso traguardo del NZI (NearZero Impact). 

L’impegno del CVC nei confronti del patrimonio ambientale e dell’ecosistema non si ferma qui ed al contrario guarda avanti  con la realizzazione di nuove attività e progetti dedicati: Sea.ste.ma (un’alleanza tra le principali scuole di vela europee per la salvaguardia dell’ambiente); Plastic Busters (programma di monitoraggio e campionamento delle acque dei nostri mari); One Ocean Foundation (fondazione, patrocinio e promozione della Charta Smeralda); Corso di Navigazione per l’ambiente (in accordo con l’ente Parco Nazionale dell’Arcipelago della Maddalena). 

L'ISOLA

41°11'17.04'' N
9°26'6.62'' E

“Caprera è un’isola selvatica più che selvaggia, dove la natura non ha mai smesso di dettare la sua legge. Caprera è un luogo dove uno spirito libero come Giuseppe Garibaldi si è sentito a casa.”  Alberto Coretti, Istruttore

Il Centro Velico Caprera è situato nel cuore del Parco Nazionale dell’Arcipelago della Maddalena, nella parte sud orientale delle Bocche di Bonifacio. Una collocazione unica che negli anni ha reso la scuola un baluardo nella salvaguardia e nella tutela del patrimonio ambientale. La scuola è insediata nella parte sud orientale dell’isola di Caprera attorno a Porto Palma, che offre ridosso da tutti i venti e in particolare da quelli dominanti, Ponente e Maestrale. Tali caratteristiche rendono questo tratto di mare particolarmente adatto all’apprendimento della vela e alla navigazione in sicurezza in un ampio spettro di condizioni meteo-marine.

A terra, immerse nella macchia mediterranea, e collegate tra loro da un’unica strada bianca, si trovano le tre diverse basi della scuola. L’insediamento principale – quello di Punta Coda – situato sul versante occidentale dell’isola, è ricavato da un avamposto ottocentesco della Marina Militare. Mentre gli altri due, costituiti da tucul – strutture ospitali a basso impatto ambientale, mimetizzate nella vegetazione – si affacciano a sud direttamente su Porto Palma. Completano la scuola le strutture a mare, la veleria e le officine allo scalo di Cala Fico e i due moli in pietra di Porto Palma. Il Centro Velico Caprera è in grado di dare ospitalità fino a 208 persone a terra e 340 a bordo delle sue imbarcazioni più grandi. 

Centro Velico Caprera
Torna su
Di seguito trovi informazioni utili per frequentare i nostri corsi, per qualsiasi chiarimento, telefonaci al +39.02.86452191.

Entro un mese (30 giorni) prima dell’inizio del corso:

  • effettuare il saldo del corso online con carta di credito o bonifico bancario (mediante il tuo account CVC)
  • caricare sul tuo account CVC un certificato medico (per attività almeno non agonistica) in PDF. Senza certificato non si è ammessi ai corsi
  • se è il tuo primo corso al CVC, caricare anche una tua fotografia formato tessera.
  • compilare di dati anagrafici nel tuo account: menu “dettagli account” e menu “anagrafica”.
  1. Per il bagaglio usa sacche morbide che, piegate, occupino poco spazio (no valige rigide).
    Ricorda che alla base non sono in vendita sigarette e tabacchi.

    Per tutti i corsi:

    • se sei già stato al CVC, porta il LIBRETTO DI VELA, verrà compilato dal tuo Capo Turno
    • sacco a pelo (oppure lenzuolo + coperta)
    • coltello da marinaio (*) necessario in barca per sicurezza e a terra come posata (vedi foto nel ns sito in “Equipaggiamento Consigliato” o “Domande Frequenti”)
    • scarpe da barca e anche stivali da barca per i corsi cabinati
    • 2-3 cambi di biancheria
    • 2-3 cambi di calze sportive
    • pantaloni corti e lunghi casual
    • magliette leggere a maniche lunghe e cappelli per evitare scottature (consigliati i colori chiari)
    • maglioni di lana/pile (almeno 2) per affrontare il freddo presente in mare anche nei mesi estivi
    • articoli per l’igiene personale* ed asciugamani
    • torcia a pile*
    • occhiali da sole
    • guanti da vela*
    • federa (solo corsi itineranti)
    • creme solari

    In particolare per i corsi su derive:

    • magliette leggere a maniche lunghe o corte, in lycra
    • giubbetto spry top
    • muta in neoprene*, indispensabile in primavera e autunno, consigliata anche in estate
    • borraccia o bottiglia termica
    • scarpe da vela alte con calze (per proteggere i piedi dalle cinghie) o, meglio, calzari in neoprene*. Per i corsi D3, D4 e D5 possono essere utili le ginocchiere.

    In particolare per i corsi su cabinati:

    • cerata da vela (*) leggera o pesante a seconda della stagione
    • scarpe da barca con suola adatta (no Superga o simili, si scivola), stivali nei mesi più freschi.

    * articoli che possono essere acquistati presso lo spaccio di Caprera

Dal continente > Olbia

Via nave (arrivo ad Olbia o Golfo Aranci)

  • con TIRRENIA, MOBYLINES o GRIMALDI, partenze da Genova, Livorno (la sera prima) o altri porti e arrivo ad Olbia con TIRRENIA o MOBY, partenze da Genova (la sera prima) o altri porti e arrivo ad Olbia. Per informazioni sulle Convenzioni in atto invia una mail in segreteria.
  • con SARDINIA FERRIES con partenza da Livorno (la sera prima) e arrivo a Golfo Aranci.

Via aereo (arrivo ad Olbia)

  • AIRITALY, EASYJET o altre compagnie, con partenze dalle principali città italiane

Olbia > Palau

Palau è a 50 km da Olbia, questi i mezzi di trasporto (durata percorso circa 1 ora):

  • da Olbia porto (stazione marittima), autobus di linea ARST . Prezzo circa 3 Euro
  • da Olbia centro (stazione bus), autobus di linea ARST con partenze ogni ora
  • da Olbia aeroporto:
    – servizi di autobus ogni ora per Olbia centro
    – TURMOTRAVEL (0789/21487) effettua un servizio diretto da Olbia aeroporto a Palau nei mesi estivi – vedi orari: https://gruppoturmotravel.com/linee-extraurbane
    – servizio di taxi Mario Aisoni, con cui il CVC ha una convenzione (70 Euro per il taxi fino a 4 persone, 90 Euro per pulmino da 5 a 8 posti, 15 Euro a persona per pullman per gruppi di oltre 8 persone). Prenotazioni al n°0789/709309 oppure online www.sardegnatours.it . Il sig. Aisoni invierà il mezzo più idoneo (taxi, pulmino) in base al numero delle prenotazioni.

Palau > La Maddalena

Da Palau a La Maddalena traghetto di linea (15 minuti circa).

La Maddalena > Base di Caprera

Ogni sabato a La Maddalena ore 13:45, sul Lungomare via Amendola, partenza motobarca Apollo II con un’insegna CVC trasporterà gli allievi a Caprera (appuntamento 10/15 minuti prima). Prima del 1 maggio e dopo il 31 ottobre la motobarca sarà sostituita da pullman, stesso orario e punto di ritrovo.
Telefono da usare solo il sabato d’arrivo in caso d’emergenza: 347/6749599.
Se arrivi in ritardo, da La Maddalena puoi chiamare un taxi (vedi recapiti tra i Telefoni Utili – prezzo medio 23/30 Euro o più).
Il Centro Velico Caprera non organizza viaggi collettivi ma segnala l’esistenza di una Pagina Facebook dedicata ad arrivi e partenze affinché i partecipanti possano organizzarsi al meglio il viaggio.

In auto è sconsigliato arrivare alla Base

L’accesso è consentito solo fino al cancello della banchina del Precrociera, da lì attendi l’arrivo degli altri allievi con il traghetto da La Maddalena. Per tutta la durata del corso non avrai occasione di utilizzarla.
Per le auto vige il divieto di circolare all’interno del Parco, se non dietro il rilascio di un particolare permesso, da richiedersi direttamente all’Ente Parco (Tel. 0789/79021).
Si consiglia di lasciarle a Palau.

  • La base ha 3 insediamenti nella costa Sud dell’isola:

    • Punta Coda dove solitamente alloggiano i corsi di Iniziazione deriva
    • Perfezionamento, dove solitamente alloggiano altri corsi di deriva o cabinati
    • Precrociera, dove solitamente alloggiano i corsi Cabinati.

    A Punta Coda c’è un’infermeria del CVC.

Allo sbarco dal traghetto gli allievi di ogni corso vengono radunati e viene loro assegnato il posto nei dormitori. Prendi possesso del tuo posto letto, vestiti in modo adeguato per la prova di nuoto e di scuffia (corsi di iniziazione deriva) o per l’attività sulle barche. Verrete quindi riuniti in aula per ricevere istruzioni dal Capo degli istruttori (Capo Turno) e dal personale della base.
Nell’insediamento dell’Iniziazione di Punta Coda vi sono delle cassette di sicurezza individuali. Ti verrà consegnata la chiave dietro cauzione di 50 Euro. Negli altri insediamenti ci sono delle casseforti collettive. La Scuola non risponde per il furto di oggetti lasciati incustoditi. Evitare di portare oggetti preziosi o eccessive somme di denaro.

Gli orari
La vita a Caprera è regolata dai seguenti orari :
06.30 sveglia
07.00 prima colazione
07.45 lezione
09.00 imbarco
12.30 sbarco
13.00 pranzo
13.45 lezione
14.30 imbarco
18.30 sbarco
20.00 cena
21.00 commenti sulla giornata
22.30 silenzio

Particolare attenzione viene raccomandata al riposo nelle ore notturne: l’attività sportiva molto intensa infatti non consente di perdere ore di riposo.

  1. Il Centro Velico Caprera è una scuola di vela e di mare, non un centro di vacanze: la frequenza ai corsi richiede impegno, disciplina, spirito di adattamento ed accettazione di norme comportamentali. L’accesso alle Basi è riservato solo a chi è docente o allievo in un corso in atto. Non sono ammessi auto (che devono rimanere fuori dal cancello) o motocicli, né cani o altri animali. L’accettazione ai corsi è ammessa a insindacabile giudizio della Scuola.
  2. Arrivi e partenze devono avvenire rigorosamente nel rispetto delle date e degli orari previsti. Nessuna responsabilità è assunta dal Centro con riferimento ai viaggi da e verso la base di Caprera.
  3. Non è consentito assentarsi, anche temporaneamente, dalla Base se non per giustificati motivi e con l’autorizzazione del Capo Base. Non sono ammesse visite di parenti o amici, se non espressamente autorizzate dal Capo Base.
  4. L’ordine e la pulizia, essenziali in una vita comunitaria, riguardano, oltre che la propria persona e gli effetti personali, anche i dormitori, i locali ed i servizi comuni, l’ambiente circostante, nonché le attrezzature e le dotazioni della Base.
    Vitale per la Scuola è la cura delle imbarcazioni e dei materiali.
  5. Il sonno dopo una giornata intensa e faticosa è un diritto sacro, per cui ogni rumore in prossimità dei dormitori deve cessare all’ora del silenzio. Radioline, mangianastri o simili non sono graditi ed il loro uso è vietato nei locali comuni. Da utilizzare con discrezione anche i telefoni cellulari, che vanno comunque spenti durante le attività comuni.
  6. Nei corsi con alloggiamento in camerate, gli allievi non possono frequentare i dormitori riservati alle allieve e viceversa.
  7. La sicurezza è tema dominante della didattica sia in mare sia a terra: dall’obbligo di indossare il salvagente ai mezzi di soccorso ed ai mezzi antincendio. Tutti contribuiscono all’opera di prevenzione, per evitare danni a persone e attrezzature.
  8. Il Capo Base ha la facoltà di allontanare dalla Base gli allievi che dimostrano di non essere idonei alla vita comunitaria della scuola o che si sono resi colpevoli di gravi mancanze.
  9. L’uso delle imbarcazioni è consentito per le attività istituzionali della Scuola. Ogni altro uso deve essere autorizzato dal Capo Base.
  10. Le norme di cui ai precedenti punti sono da intendersi sottoposte alla regolamentazione nazionale e regionale relativa alle misure, anche comportamentali e di protezione individuale, volte a contrastare la diffusione del COVID-19, nonché a quelle di cui al documento “Norme comportamentali Emergenza Covid” consultabile A QUESTO LINK, da ritenersi parte sostanziale delle presenti Norme di vita.
  1. Oltre ai telefoni personali, per mettersi in contatto con gli allievi, da maggio a ottobre, si può telefonare alla Segreteria di Caprera (0789/727769). Negli altri periodi invece La Segreteria si trasferisce a La Maddalena (tel. 0789/738529).
    Non è consentito usare i telefoni cellulari in barca o durante le lezioni a terra.
    Il loro uso è consentito solo nei momenti liberi.
  1. Tutti gli allievi partecipano alle attività comuni (distribuzione dei pasti, pulizia della mensa, dei dormitori e dei servizi, aiuto in veleria e sui gozzi). Ciò aiuterà ad acquisire la mentalità della vita in comune su una barca dove tutto l’equipaggio contribuisce alle attività di bordo.
    Per un giorno, nei corsi settimanali, o due giorni, nei corsi quindicinali, ogni allievo viene impiegato nella “comandata”.
  1. Lo spaccio del CVC è a Punta Coda e al Precrociera, è aperto ogni giorno (domenica compresa).
    Orari: Punta Coda 12.30-13.00 19.00-20.00. Precrociera: 19.00-20.00. Entrambi sono aperti di sabato dalle 10.30 alle 13.00. Allo spaccio si può pagare con bancomat o carte di credito.
    Presso lo spaccio puoi trovare:
    • capi tecnici per la vela:
    – giacche a vento;
    – guanti da vela;
    – stivaletti da muta;
    – mute in neoprene;
    – pantaloni da vela;
    – stivali (su richiesta).
    • abbigliamento per la vela:
    – polo, maglie, maglioni;
    – scarpe (su richiesta).
    • accessori vari: coperte, sacchi a pelo, coltelli. Non sono in vendita sigarette
    Puoi trovare inoltre:
    – bevande, biscotti, snack, ecc.;
    – articoli per l’igiene personale.
    Se ci sono esigenze particolari (medicine, ecc.), l’addetto allo spaccio può acquistare di volta in volta a La Maddalena il necessario.

    Dalla settimana 23 alla settimana 30 allo spaccio di Punta Coda non verranno venduti alcolici.

  1. Coca cola, birra, vino e altre bevande possono essere acquistate tramite il personale dello spaccio.
    L’acqua minerale in tavola ed in barca è fornita gratuitamente, Per uso personale è sempre possibile ricaricare le proprie borracce dagli appositi erogatori presenti nelle basi. 

  1. Si raccomanda di portare il tesserino personale dell’ASL. A Caprera esiste un’infermeria.
    Nel caso sia necessario il trasferimento in un ospedale a La Maddalena o ad Olbia l’allievo dovrà pagare il mezzo per il rientro alla Base.

  1. L’ultima mattinata di permanenza a Caprera è dedicata al rassetto delle barche, delle vele, dei dormitori e alle ultime formalità burocratiche, fra le quali la compilazione del QUESTIONARIO (che intanto avrai ricevuto via email nelle prime ore della mattinata), dove potrai esprimere il tuo gradimento sulle attività della scuola ed i suggerimenti per migliorarle: diamo molta importanza alla tua opinione! Dopo la compilazione del questionario, dovrai preparare i tuoi bagagli.
    Gli allievi vengono riportati a La Maddalena verso le 12.00 con motobarca (prima del 1 maggio e dopo il 31 ottobre la motobarca sarà sostituita da un pullman). Da La Maddalena potrai prendere un traghetto per Palau e da Palau il bus di linea per Olbia. Consigliamo di prenotare un volo o un traghetto in partenza da Olbia dalle ore 18.00 in poi.

    Orari Autobus di linea ARST e TURMOTRAVEL – Olbia-Palau-Olbia
    ARST: consulta il sito http://arst.sardegna.it/orari_e_autolinee.html o chiama il numero verde 800 865 042
    TURMOTRAVEL: consulta il sito http://www.gruppoturmotravel.com/trasportopubblico.php o chiama il numero 0789/21487

  1. Segreteria Milano 02/86452191
    Segreteria Caprera 0789/727769
    Segreteria Maddalena 0789/738529
    Ospedale La Maddalena 0789/737732
    Taxi Aisoni (Olbia/Palau) (anche per pulmini) 0789/709309
    Taxi Todde 330/649933
    Taxi Acciaro (anche per pulmini da 6) 340/1554000 328/800335
    Taxi Musa Roberto (anche per pulmini) 347/3706074

    Telefono da chiamare solo il sabato d’arrivo in caso d’emergenza: 347/6749599

[fc id='4'][/fc]
[fc id='3'][/fc]
[fc id='2'][/fc]
Centro Velico Caprera
SEI UN NUOVO UTENTE?

Una password verrà inviata al tuo indirizzo e-mail.